IBS e IBD: Qual è la differenza?

Sapevi che circa il 10-15% delle persone soffre di IBS (sindrome dell'intestino irritabile)? Molte persone non sanno nemmeno di soffrire di questo comune disturbo gastrointestinale. Dal 1997, la International Foundation for Gastrointestinal Disorders ha designato aprile come mese di sensibilizzazione sull'IBS, per spargere la voce sui sintomi e sulle opzioni di trattamento.

In questo post sul blog, avremmo fatto qualcosa di simile, ma con una svolta. Quando vedi l'acronimo IBS, potresti anche pensare a un'altra serie di lettere che è spesso presente nelle conversazioni sulle patologie gastrointestinali: IBD (malattia infiammatoria intestinale). È importante non confondere IBS con IBD, quindi esamina bene il profilo di base di ogni tipo di disturbo e parla dei sintomi, delle cause e delle tipiche opzioni di trattamento.

Cos'è l'IBS?

IBS sta per sindrome dell'intestino irritabile, una condizione caratterizzata da dolore addominale e un cambiamento nelle abitudini intestinali come diarrea o costipazione. La diarrea e la stitichezza da sole non sono necessariamente indicative di IBS, ma sono certamente sintomi chiave. Nei casi di IBS, queste abitudini intestinali alterate si verificano con dolore o fastidio addominale simile a crampi, gonfiore o senso di gassosità. Anche l'urgenza e il muco nelle feci sono sintomi comuni. Per quanto ne sanno i ricercatori in questo momento, avere l'IBS non comporta un aumento del rischio di sviluppare il cancro al colon. Sebbene i sintomi dell'IBS non siano pericolosi per la vita, sono dolorosi e possono influire negativamente sulla qualità della vita.

L'IBS può avere una gamma di fattori scatenanti diversi, inclusi alimenti specifici, stress, infezioni gastrointestinali e mestruazioni. La sua causa ultima non è nota, ma generalmente si pensa che i cambiamenti nella motilità e nella sensazione del colon che provocano dolore e diarrea o costipazione siano dovuti all'interruzione della comunicazione tra il cervello e l'intestino. Potrebbe sembrare strano, ma il sistema digestivo è molto più connesso al sistema nervoso di quanto potresti pensare! Il tratto gastrointestinale contiene circa 100 milioni di neuroni, che fanno parte del sistema nervoso autonomo. Questa parte del SNA è spesso indicata come sistema nervoso enterico o ENS. L'ENS regola la secrezione, il flusso sanguigno e la motilità all'interno del tratto digestivo e invia informazioni importanti come l'acidità dello stomaco e la tensione della parete intestinale al sistema nervoso centrale. Il nervo vago, uno dei nervi cranici, svolge un ruolo importante nella trasmissione di messaggi tra il cervello e l'intestino.

Nervi che forniscono gli organi dell'apparato digerente. Nella foto qui sono il tronco vagale interno, il tronco vagale posteriore e il plesso celiaco. Immagine dall'Atlante di anatomia umana.

L'IBS viene diagnosticata principalmente da una valutazione di professionisti medici dei sintomi riportati secondo la scala di Roma. In sostanza, questo si riduce al fatto che l'IBS è probabile se una persona avverte dolore addominale per almeno diversi mesi e quel dolore è collegato a cambiamenti nella frequenza del movimento intestinale e viene alleviato con la defecazione.

I fattori di rischio per l'IBS includono una storia familiare di IBS (è probabile che i tuoi geni possano renderti predisposto all'IBS), stress cronico o una recente infezione intestinale.

Non esiste un trattamento adatto a tutti i pazienti con IBS che lavorano con il loro team sanitario per trovare ciò che funziona. A volte ciò significa un cambiamento nella dieta per evitare cibi che scatenano i sintomi dell'IBS. Altre volte, può includere farmaci che alleviano sintomi come diarrea e stitichezza. A volte basse dosi di alcuni antidepressivi possono ridurre il dolore dell'IBS. Per i malati di IBS che soffrono di stress o ansia cronici, anche la consulenza sulla salute mentale, la terapia cognitivo-comportamentale e/o il trattamento con farmaci per l'ansia potrebbero fornire un po' di sollievo.

Cos'è l'IBD?

L'IBD, o malattia infiammatoria intestinale, comporta anche un dolore addominale significativo, ma è molto più raro e porta a complicazioni più pericolose dell'IBS. L'IBD comporta un aumento del rischio di cancro al colon e una maggiore probabilità di sviluppare ascessi, ulcere e ostruzioni intestinali. L'infiammazione e il danno che l'IBD provoca all'intestino possono anche portare a problemi con l'assorbimento di acqua e sostanze nutritive.

Ci sono due condizioni che sono classificate come IBD: colite ulcerosa (UC) e morbo di Crohn. Nel 2015, a circa l'1,3% degli adulti negli Stati Uniti (circa 3 milioni di persone) è stata diagnosticata una di queste due condizioni.

Sia UC che Crohns sono causati da un'infiammazione cronica nel tratto gastrointestinale. La principale distinzione tra loro è dove nel tratto gastrointestinale si verifica il danno e quali strati del rivestimento del tratto gastrointestinale sono interessati.

Nella CU, l'infiammazione si verifica nell'intestino crasso e nel retto, di solito inizia nel retto e si diffonde verso l'alto nel colon. L'infiammazione provoca ascessi nella mucosa (rivestimento) del colon e questi ascessi si trasformano in ulcere che perdono pus e sangue. Anche una volta che le ulcere sono guarite, fibrosi e cicatrici possono comunque causare problemi, come l'appiattimento delle pieghe australi.

Infiammazione nell'intestino crasso nella CU. Immagine da Fisiologia e Patologia.

La malattia di Crohn provoca edema (ritenzione di liquidi) e ascessi nel tratto gastrointestinale che possono interferire con il suo corretto funzionamento. Sebbene possa verificarsi ovunque nell'intestino tenue o crasso, il danno in Crohn di solito si verifica più in alto nel tratto gastrointestinale (specialmente nella porzione dell'intestino tenue subito prima del colon). Le ulcere si formano in vari punti del rivestimento intestinale interno, conferendo alle aree danneggiate un aspetto irregolare. Cicatrici e fibrosi possono causare problemi anche a Crohn, portando all'ispessimento della parete intestinale e al conseguente restringimento del lume (lo spazio all'interno dell'intestino attraverso il quale si spostano i rifiuti).

Danni al rivestimento dell'intestino tenue in Crohns. Immagine da Fisiologia e Patologia.

I sintomi comuni a entrambi i tipi di IBD sono diarrea persistente, dolore addominale, sanguinamento rettale e/o feci sanguinolente, perdita di peso e affaticamento.

La causa esatta dell'IBD non è nota, ma la fonte dell'infiammazione è in genere il sistema immunitario che reagisce a una sorta di fattore scatenante ambientale, ovvero il sistema immunitario attacca una sostanza altrimenti innocua. Come l'IBS, è probabile che l'IBD abbia una componente genetica, poiché una storia familiare di IBD aumenta la probabilità che le persone abbiano l'IBD. Secondo la Crohns and Colitis Foundation of America, i sintomi dell'IBD sono causati da un fattore scatenante ambientale combinato con uno squilibrio dei batteri intestinali e una reazione inappropriata del sistema immunitario.

Il trattamento per l'IBD di solito comporta cambiamenti nella dieta per evitare cibi che aggravano i sintomi e farmaci per ridurre l'infiammazione o alterare la risposta del sistema immunitario. Nei casi più gravi, la chirurgia viene utilizzata per rimuovere parti del tubo digerente che sono state danneggiate.

Vuoi saperne di più sull'apparato digerente e sulle patologie che lo affliggono? Dai un'occhiata a questi post del blog correlati:

  • Fisiologia e patologia: 5 condizioni gastrointestinali comuni
  • Digestions Cutest Heroes: Un tuffo nei villi intestinali
  • Anatomia e fisiologia: componenti principali dell'apparato digerente

Abbiamo anche eBook sull'apparato digerente nel suo insieme e in particolare sull'intestino tenue e sull'esame FAST!


Fonti aggiuntive:

  • Crohn's and Coitis Foundation of America – Malattia infiammatoria intestinale
    e sindrome dell'intestino irritabile: somiglianze e differenze
  • Healthline – Sindrome dell'intestino irritabile
  • IFFGD: A proposito di IBS

Qual è la causa principale dell'IBS

L'IBS può svilupparsi dopo un grave attacco di diarrea (gastroenterite) causato da batteri o virus. L'IBS potrebbe anche essere associato a un'eccedenza di batteri nell'intestino (crescita eccessiva di batteri). Stress da inizio vita. Le persone esposte a eventi stressanti, soprattutto durante l'infanzia, tendono ad avere più sintomi di IBS.

Avere l'IBS è serio

L'IBS non rappresenta una seria minaccia per la tua salute fisica e non aumenta le tue possibilità di sviluppare il cancro o altre condizioni legate all'intestino. La causa esatta dell'IBS è sconosciuta.

Quali sono i 3 tipi di IBS

Quali sono i diversi tipi di IBS?

  • IBS con costipazione (IBS-C): la maggior parte della tua cacca è dura e grumosa.
  • IBS con diarrea (IBS-D): la maggior parte della tua cacca è sciolta e acquosa.
  • IBS con abitudini intestinali miste (IBS-M): hai sia movimenti intestinali duri e grumosi che movimenti sciolti e acquosi nello stesso giorno.

Quali sono i segnali di pericolo di IBS

9 Segni e sintomi della sindrome dell'intestino irritabile (IBS)

  • Dolore e crampi. Il dolore addominale è il sintomo più comune e un fattore chiave nella diagnosi.
  • Diarrea.
  • Stipsi.
  • Costipazione alternata e diarrea.
  • Cambiamenti nei movimenti intestinali.
  • Gas e gonfiore.
  • Intolleranza alimentare.
  • Fatica e difficoltà a dormire.

Torna su