Concorso OSS Mantova 2018: 14 posti a tempo indeterminato

Se stai cercando un’opportunità di lavoro nel settore sanitario, potresti essere interessato al concorso OSS Mantova 2018. Il concorso offre 14 posti a tempo indeterminato per Operatori Socio-Sanitari presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Mantova.

I requisiti per partecipare al concorso includono il possesso del diploma di Operatore Socio-Sanitario, la cittadinanza italiana o di un paese dell’Unione Europea, e l’idoneità fisica all’impiego.

Il concorso prevede una prova scritta, una prova pratica e un colloquio orale. I candidati che supereranno tutte le prove verranno inseriti in graduatoria e potranno essere chiamati per l’assunzione presso l’Azienda Ospedaliera di Mantova.

La retribuzione prevista per il ruolo di Operatore Socio-Sanitario è di €1.200 mensili, con possibilità di progressione economica. Inoltre, il contratto prevede diverse agevolazioni fiscali e contributive.

Se sei interessato a partecipare al concorso OSS Mantova 2018, consulta il bando ufficiale per maggiori informazioni sui requisiti e sulle modalità di partecipazione. Non perdere questa opportunità di lavoro stabile nel settore sanitario!

Quanto dura la graduatoria di un concorso pubblico per OSS?

Oggi il riferimento normativo è l’art. 165/2001 del Testo unico sul pubblico impiego, secondo cui le graduatorie per il reclutamento del personale nelle amministrazioni pubbliche rimangono in vigore per un termine di due anni dalla loro approvazione. Questo significa che una volta approvata la graduatoria di un concorso pubblico per OSS, essa ha una validità di due anni. Durante questo periodo, l’amministrazione può attingere dalla graduatoria per effettuare le assunzioni dei candidati che hanno superato il concorso. Tuttavia, una volta trascorsi i due anni, la graduatoria perde la sua validità e scade. Ciò significa che l’amministrazione non può più effettuare assunzioni dalla graduatoria e sarà necessario indire un nuovo concorso per OSS per reclutare nuovo personale. Questa normativa è stata introdotta per garantire una maggiore rotazione e possibilità di accesso al lavoro pubblico, evitando l’ingiustificata permanenza delle graduatorie per lunghi periodi di tempo. L’obiettivo è quello di assicurare l’opportunità di lavoro a un numero più ampio di candidati nel settore pubblico.

Dove posso trovare informazioni sui concorsi per OSS?

Dove posso trovare informazioni sui concorsi per OSS?

La 4ª Serie Speciale – Concorsi ed Esami, pubblicata ogni martedì e venerdì, è la fonte ufficiale per quanto riguarda i CONCORSI PUBBLICI per OSS (Operatore Socio Sanitario). Questa pubblicazione contiene tutti i bandi ufficiali dei concorsi, con tutte le informazioni necessarie come i requisiti richiesti, il programma delle prove, le modalità di selezione e le date di scadenza. È possibile acquistare la Serie Speciale presso le edicole o consultare la versione digitale sul sito web dedicato.

Inoltre, il sito web concorsioss.it offre una sezione dedicata ai concorsi per OSS, dove è possibile consultare i bandi ufficiali e conoscere le date di scadenza. Questo sito è una risorsa utile per chiunque sia interessato a partecipare a concorsi per OSS, in quanto fornisce informazioni aggiornate e dettagliate sui concorsi in corso. È possibile trovare i bandi, le modalità di partecipazione e tutte le altre informazioni necessarie per prepararsi adeguatamente alle prove di selezione.

In conclusione, per trovare informazioni sui concorsi per OSS, si consiglia di consultare la 4ª Serie Speciale – Concorsi ed Esami, pubblicata ogni martedì e venerdì, o di visitare il sito web concorsioss.it, dove è possibile trovare i bandi ufficiali e le date di scadenza. Queste risorse sono fondamentali per chiunque sia interessato a partecipare a concorsi per OSS e desideri avere tutte le informazioni necessarie per prepararsi adeguatamente.

Cosa dà punteggio nei concorsi OSS?

Cosa dà punteggio nei concorsi OSS?

Modalità di attribuzione dei punteggi:

I punteggi nei concorsi per OSS (Operatore Socio Sanitario) vengono assegnati in base ai titoli e alle esperienze dei candidati. Alcuni esempi di titoli e esperienze che possono essere valutati includono:

– Diploma o laurea: Il possesso di un diploma o di una laurea in un campo correlato come infermieristica o assistenza sociale può essere valutato positivamente e dare un punteggio aggiuntivo al candidato.
– Corsi di formazione: I candidati che hanno frequentato corsi di formazione specifici nel settore sanitario o sociale possono ricevere un punteggio più alto. Ad esempio, corsi di primo soccorso, corsi di igiene o corsi di assistenza agli anziani possono essere presi in considerazione.
– Esperienze lavorative: Le esperienze lavorative precedenti nel settore sanitario o sociale possono dare un punteggio aggiuntivo. Ad esempio, esperienze come assistente di cura, assistente domiciliare o assistente di comunità possono essere valutate positivamente.
– Esperienze di volontariato: Il lavoro di volontariato nel campo sanitario o sociale può essere considerato un titolo valido e può dare un punteggio aggiuntivo. Ad esempio, il volontariato in ospedali, case di riposo o associazioni di volontariato può essere valutato positivamente.
– Conoscenza di lingue straniere: La conoscenza di lingue straniere, come l’inglese o il francese, può essere valutata positivamente e dare un punteggio aggiuntivo al candidato.

Questi sono solo alcuni esempi di titoli e esperienze che possono essere valutati nei concorsi per OSS. È importante notare che i criteri di valutazione possono variare da concorso a concorso, quindi è sempre consigliabile consultare il bando specifico per conoscere i dettagli esatti della valutazione dei punteggi.

In cosa consiste la prova pratica per il concorso OSS?

In cosa consiste la prova pratica per il concorso OSS?

La prova pratica per il concorso OSS consiste nella verifica delle abilità professionali legate allo svolgimento della professione di Operatore Socio Sanitario. Durante questa prova, i candidati vengono chiamati a dimostrare le competenze pratiche acquisite durante il corso di formazione.

La prova pratica può prevedere diverse situazioni e attività che simulano le situazioni reali con cui un OSS potrebbe trovarsi ad operare. Ad esempio, potrebbe essere richiesto di effettuare correttamente le manovre di trasferimento e movimentazione dei pazienti, utilizzando le adeguate tecniche di sollevamento e posizionamento. Inoltre, potrebbe essere richiesto di dimostrare le corrette modalità di assistenza alla persona nelle attività quotidiane, come ad esempio l’igiene personale, il cambio di pannolino o la somministrazione di farmaci.

Durante la prova pratica, vengono valutate non solo le competenze tecniche dell’operatore, ma anche la capacità di relazionarsi con la persona assistita in modo empatico e rispettoso. Si valuta quindi anche la capacità di comunicazione e la sensibilità nei confronti delle esigenze e dei diritti del paziente.

È importante prepararsi adeguatamente per la prova pratica, studiando e acquisendo le competenze teoriche e pratiche richieste per l’esercizio della professione di OSS. Inoltre, è consigliabile fare pratica sul campo, magari svolgendo un periodo di tirocinio presso strutture sanitarie o assistenziali, per acquisire una buona padronanza delle attività e delle situazioni che si potrebbero presentare durante la prova.

In conclusione, la prova pratica per il concorso OSS è un momento fondamentale per dimostrare le proprie competenze professionali e la capacità di svolgere correttamente le attività previste dal profilo di Operatore Socio Sanitario. Prepararsi adeguatamente e acquisire esperienza pratica sono elementi essenziali per affrontare con successo questa prova e accedere al mondo del lavoro nel settore socio-sanitario.

Torna su