Scintigrafia ossea: dove farla e a pagamento

La scintigrafia ossea è una procedura diagnostica utilizzata per individuare alterazioni o lesioni ossee. Questo esame può essere eseguito in diverse strutture sanitarie, sia pubbliche che private, ma è spesso a pagamento. Nel presente post, elencheremo alcune delle principali strutture in Italia dove è possibile sottoporsi a una scintigrafia ossea, indicando anche i relativi costi. Se hai bisogno di questo esame, continua a leggere per scoprire dove poterlo fare e quanto dovrai pagare.

Quanto costa una scintigrafia ossea a pagamento?

La scintigrafia ossea a pagamento ha un costo di € 133,76. Questa prestazione rientra nell’area della diagnosi strumentale e viene erogata in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale (SSN). I codici per questa prestazione sono 92182 e 8903MN. È importante notare che il costo di € 133,76 è da considerarsi come tariffa base e potrebbe essere soggetto a ulteriori costi come il ticket della ricetta. È possibile effettuare la scintigrafia ossea presso ambulatori convenzionati con il SSN.

Dove si può fare la scintigrafia?

Dove si può fare la scintigrafia?

La scintigrafia è una procedura diagnostica che viene eseguita nei reparti ospedalieri di medicina nucleare o negli studi autorizzati. Questi luoghi sono dotati di apparecchiature specializzate per la rilevazione delle radiazioni emesse dai radiofarmaci utilizzati durante l’esame.

La procedura di scintigrafia inizia con l’iniezione endovenosa di un tracciante radioattivo. Questo tracciante contiene una piccola quantità di sostanza radioattiva che viene assorbita da specifici tessuti o organi del corpo. A seconda dell’organo o del sistema oggetto di studio, il tracciante può essere somministrato anche per via orale o tramite aerosol.

Una volta somministrato il tracciante, il paziente viene posizionato sotto una macchina chiamata gamma camera. La gamma camera è in grado di rilevare le radiazioni emesse dal tracciante e di creare immagini dettagliate degli organi e dei tessuti in studio.

Durante la scintigrafia, il paziente dovrà restare immobile per consentire all’apparecchiatura di ottenere immagini di alta qualità. L’esame può durare da pochi minuti a diverse ore, a seconda dell’area del corpo che deve essere studiata.

Una volta completata la scintigrafia, le immagini ottenute verranno analizzate da un medico specializzato in medicina nucleare. Questo medico sarà in grado di interpretare i risultati e fornire una diagnosi accurata.

In conclusione, la scintigrafia può essere eseguita nei reparti ospedalieri di medicina nucleare o negli studi autorizzati. La procedura richiede l’uso di traccianti radioattivi e di apparecchiature specializzate per la rilevazione delle radiazioni. È un esame sicuro e non invasivo che fornisce informazioni dettagliate sulle condizioni degli organi e dei tessuti del corpo.

Domanda: Come prenotare una scintigrafia ossea?

Domanda: Come prenotare una scintigrafia ossea?

La prenotazione per una scintigrafia ossea può essere effettuata in diversi modi. Innanzitutto, è possibile prenotare online tramite il sito web del servizio di medicina nucleare. Basta accedere alla sezione prenotazioni e seguire le indicazioni per selezionare la data e l’orario desiderati.In alternativa, è possibile prenotare telefonicamente chiamando il numero 06 3015.4375. Un operatore sarà disponibile per assistere nella prenotazione e fornire ulteriori informazioni.Infine, è possibile recarsi personalmente presso l’Ufficio accoglienza amministrativa del Servizio di Medicina Nucleare. L’ufficio è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 11:00 alle ore 13:15 e dalle 14:15 alle 15:15, e il sabato dalle ore 11:00 alle 12:00. Per facilitare la prenotazione, è consigliabile avere a disposizione i propri dati personali e la richiesta medica del medico curante.Ricorda che la scintigrafia ossea è un esame diagnostico che richiede una prescrizione medica. Prima di prenotare, assicurati di aver ottenuto la prescrizione dal tuo medico e di portarla con te al momento dell’appuntamento.

Per ulteriori informazioni o dubbi sulla prenotazione della scintigrafia ossea, è possibile contattare direttamente il Servizio di Medicina Nucleare.

Quali tumori si vedono con la scintigrafia ossea?

Quali tumori si vedono con la scintigrafia ossea?

La scintigrafia ossea è un esame diagnostico che utilizza una piccola quantità di sostanza radioattiva per valutare la struttura e la funzione dello scheletro. Essa può essere utilizzata per identificare diverse condizioni patologiche, tra cui i tumori.

Le principali indicazioni per l’esecuzione della scintigrafia ossea total body sono la ricerca di eventuali localizzazioni metastatiche scheletriche di varie neoplasie. In particolare, è utile nella valutazione dei tumori della mammella, della prostata e del polmone, che spesso tendono a metastatizzare alle ossa.

Il metodo diagnostico si basa sul fatto che il tessuto osseo è altamente vascolarizzato e metabolico, quindi le cellule tumorali tendono ad accumulare maggiormente la sostanza radioattiva rispetto al tessuto osseo sano. Questo permette di individuare precocemente eventuali metastasi ossee, anche quando queste non sono ancora visibili all’esame radiologico convenzionale.

Oltre ai tumori solidi, la scintigrafia ossea può essere utile anche nella valutazione del morbo di Paget, una malattia ossea cronica caratterizzata da un’eccessiva attività di rimodellamento osseo, e nelle patologie reumatologiche, come l’artrite reumatoide o la spondilite anchilosante, per valutare l’estensione delle lesioni ossee.

In conclusione, la scintigrafia ossea è un esame diagnostico fondamentale nella valutazione delle metastasi scheletriche di varie neoplasie, come i tumori della mammella, della prostata e del polmone. È inoltre utile nella diagnosi del morbo di Paget e nelle patologie reumatologiche. Grazie alla sua sensibilità, può individuare precocemente eventuali alterazioni ossee anche quando queste non sono ancora visibili all’esame radiologico convenzionale.

Quanto tempo si impiega per fare una scintigrafia ossea?

La scintigrafia ossea è una procedura diagnostica che viene utilizzata per valutare la salute delle ossa e identificare eventuali anomalie o patologie. Si tratta di un esame non invasivo che coinvolge l’iniezione di un radiofarmaco a bassa dose nel corpo, seguito da una serie di scansioni che permettono di ottenere immagini dettagliate delle ossa.

La durata della scintigrafia ossea globale scheletrica è di circa 20/25 minuti. Prima di sottoporsi all’esame, è necessario bere una quantità adeguata di liquidi, in modo da favorire l’eliminazione del radiofarmaco attraverso le urine. Successivamente, il paziente viene posizionato su un lettino e viene iniettato il radiofarmaco per via endovenosa. Dopo circa due ore e mezza dalla somministrazione del radiofarmaco, si procede alla fase di acquisizione delle immagini.

Durante l’esame, il paziente deve rimanere immobile e può essere richiesto di assumere diverse posizioni per permettere una visualizzazione completa delle ossa. Durante la scansione, il lettino si muove lentamente attraverso una macchina chiamata gamma camera, che rileva le radiazioni emesse dal radiofarmaco e le trasforma in immagini digitali. Queste immagini vengono poi analizzate dal medico specialista per valutare lo stato di salute delle ossa e identificare eventuali alterazioni o patologie.

La scintigrafia ossea è un esame sicuro e non invasivo, che non comporta particolari rischi o effetti collaterali. Tuttavia, è importante informare il medico in caso di gravidanza o di allergie ai radiofarmaci. Dopo l’esame, è possibile riprendere le normali attività quotidiane, a meno che non sia stato somministrato un sedativo o un tranquillante.

In conclusione, la scintigrafia ossea globale scheletrica è un esame diagnostico che permette di valutare lo stato di salute delle ossa e identificare eventuali patologie o anomalie. La durata dell’esame è di circa 20/25 minuti e viene eseguito dopo circa due ore e mezza dalla somministrazione del radiofarmaco. Si tratta di una procedura sicura e non invasiva, che fornisce immagini dettagliate delle ossa per una diagnosi accurata.

Torna su