La stimolazione ovarica fa ingrassare? Ecco cosa dice la ricerca

Le paure legate alla stimolazione ovarica sono comuni tra le donne che si sottopongono a questo tipo di trattamento per la fertilità. Una delle preoccupazioni più comuni riguarda l’aumento di peso. Tuttavia, è importante sottolineare che l’aumento di peso è un effetto del tutto impossibile della stimolazione ovarica.

Per ingrassare è necessario ingerire un quantitativo superiore di calorie rispetto a quelle che si bruciano. La stimolazione ovarica non influisce sul metabolismo basale o sull’apporto calorico. Pertanto, non esiste una connessione diretta tra la stimolazione ovarica e l’aumento di peso.

Dopo la stimolazione ovarica, il ciclo riprende in maniera fisiologica. Il corpo ritorna alle sue normali funzioni, senza alcun impatto sul peso corporeo. È importante ricordare che ogni corpo è diverso e reagisce in modo unico alla stimolazione ovarica, quindi è sempre consigliabile consultare il proprio medico per ulteriori informazioni e rassicurazioni.

Quanti chili si prendono con la stimolazione ovarica?

La stimolazione ovarica, che viene utilizzata nel contesto della fecondazione in vitro (IVF), può comportare alcuni effetti collaterali, tra cui un possibile aumento di peso. Tuttavia, è importante notare che l’aumento di peso associato alla stimolazione ovarica non è dovuto all’aumento di grasso corporeo, ma piuttosto a un accumulo temporaneo di liquidi nel corpo.

Durante la stimolazione ovarica, vengono somministrati farmaci ormonali per promuovere la produzione di più follicoli ovarici. Questo può portare a un aumento temporaneo dei livelli di estrogeni nel corpo, che a sua volta può causare ritenzione idrica. La ritenzione idrica può comportare un aumento di peso nell’ordine di 1-1,5 kg.

In alcuni casi, la stimolazione ovarica può portare a una condizione chiamata sindrome da iperstimolazione ovarica (OHSS). L’OHSS può essere moderata o grave, e un aumento di peso significativo può essere uno dei segni iniziali della forma moderata. Si stima che l’incidenza di OHSS moderata sia del 3-6% dei casi di IVF.

Tuttavia, è importante sottolineare che non tutte le donne sperimentano l’OHSS o l’aumento di peso durante la stimolazione ovarica. I sintomi possono variare da persona a persona e sono strettamente legati al dosaggio dei farmaci utilizzati.

In conclusione, è possibile sperimentare un aumento di peso durante la stimolazione ovarica a causa della ritenzione idrica, ma questo non è un aumento di grasso corporeo. È importante discutere di eventuali preoccupazioni o sintomi con il proprio medico durante il processo di IVF.

Domanda: Come evitare di ingrassare durante la PMA?

Per evitare di ingrassare durante la PMA, è importante seguire una dieta equilibrata e salutare. Mangiare grassi “buoni” come avocado e frutta secca può fornire i nutrienti necessari senza aggiungere troppo peso. Questi alimenti sono ricchi di acidi grassi monoinsaturi e polinsaturi, che sono importanti per la salute del cuore e possono aiutare a ridurre il rischio di ingrassare.

Bere almeno 2 litri di acqua al giorno è fondamentale per mantenere l’idratazione e favorire il corretto funzionamento del corpo. L’acqua può anche aiutare a ridurre la sensazione di fame e a evitare di mangiare in eccesso.

Evitare i carboidrati raffinati come pane bianco, pasta e dolci può essere utile per evitare l’aumento di peso durante la PMA. Questi alimenti hanno un alto contenuto di zuccheri semplici e possono causare picchi di zucchero nel sangue, che possono portare ad aumentare l’appetito e a depositare grasso corporeo.

Anche i grassi saturi, presenti ad esempio nella carne rossa e nei prodotti lattiero-caseari, possono contribuire all’aumento di peso. È consigliabile fare attenzione all’assunzione di questi alimenti e preferire quelli biologici o provenienti da allevamenti controllati, che sono solitamente più ricchi di nutrienti e meno ricchi di grassi saturi.

Inoltre, è importante prestare attenzione alle porzioni e cercare di mangiare lentamente per favorire la sensazione di sazietà. Fare regolarmente attività fisica moderata, come una passeggiata quotidiana, può aiutare a mantenere un peso sano durante la PMA.

In conclusione, per evitare di ingrassare durante la PMA è consigliabile seguire una dieta equilibrata, ricca di grassi “buoni” come avocado e frutta secca, bere a sufficienza e limitare l’assunzione di carboidrati raffinati e grassi saturi. Fare attenzione alle porzioni e praticare regolarmente attività fisica moderata possono contribuire a mantenere un peso sano.

Perché la terapia ormonale fa ingrassare?

Perché la terapia ormonale fa ingrassare?

La terapia ormonale può causare un aumento di peso per diversi motivi. Innanzitutto, alcuni ormoni, come gli estrogeni e il progesterone nelle donne, hanno azioni anaboliche che favoriscono la crescita e l’accumulo di tessuto adiposo. Questo significa che l’assunzione di questi ormoni può portare a un aumento della massa grassa.

Inoltre, la terapia ormonale può influenzare il metabolismo e il bilancio energetico. Ad esempio, gli estrogeni possono aumentare il senso di fame e la voglia di cibi ad alto contenuto calorico, portando a un aumento dell’apporto calorico giornaliero. Allo stesso tempo, alcuni ormoni possono ridurre la termogenesi, che è il processo attraverso il quale il corpo brucia calorie per produrre calore. Questo può portare a un accumulo di energia sotto forma di grasso corporeo.

È importante sottolineare che l’aumento di peso associato alla terapia ormonale può variare da persona a persona. Alcune persone possono notare solo un leggero aumento di peso, mentre altre possono sperimentare un aumento più significativo. Inoltre, altri fattori come la dieta, lo stile di vita e la predisposizione genetica possono influenzare l’impatto della terapia ormonale sull’aumento di peso.

È importante tenere presente che l’aumento di peso durante la terapia ormonale non è inevitabile e che ci sono strategie che possono aiutare a gestire il peso. Ad esempio, adottare una dieta equilibrata e fare regolare attività fisica può aiutare a mantenere un peso sano. Inoltre, è consigliabile consultare il proprio medico o endocrinologo per valutare la possibilità di adottare eventuali misure preventive o correttive, come l’aggiustamento del dosaggio dei farmaci ormonali o l’adozione di terapie complementari per il controllo del peso.

Torna su